Vaccini antitumorali: da Giappone e Cina arrivano alcune incoraggianti notizie. Prosegue infatti la pubblicazione di studi che confermano l’efficacia dei vaccini con cellule dendritiche (DC), dendritic cell, contro i tumori. In una ricerca giapponese uscita a  dicembre 2015 i ricercatori dimostrano come la vaccinazione DC è sicura e determina l’immunogenicità come terapia adiuvante nei pazienti

Share

Combattere il cancro rafforzando il sistema immunitario: la ricerca punta a questo. Grazie a fondi messi a disposizione dall’AIRC (associazione italiana ricerca sul cancro) c’è un progetto che vede il nostro Paese in prima fila. Su Clinical Cancer Research il direttore dell’Unità di immunoterapia oncologica all’ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena, centro di riferimento

Share

Solo la somministrazione endovenosa (e non quella orale) di vitamina C produce un’alta concentrazione nel plasma e nelle urine che può determinare un’attività antitumorale, questo il risultato dei ricercatori del NIH (National Institute of Health): le infusioni endovenose hanno prodotto livelli ematici di vitamina C 140 volte superiori a quelli ottenuti con megadosi per via

Share

Continuano le pubblicazioni in cui si conferma la strategia vincente dei vaccini nei casi di patologie tumorali. Una ricerca, pubblicata su International Journal of Nanomedicine, evidenzia che le cellule T possono essere effettivamente attivate dalle cellule dendritiche che compongono il vaccino azionato con gli antigeni. In questo caso si parla di tumori alla testa e

Share

La frontiera dei vaccini anticancro è sempre più in espansione. Lo confermano anche i vari studi che si possono reperire su PubMed, oltre ai 1.400 trials registrati su ClinicalTrials.gov. Nel sito staresani.it abbiamo parlato del vaccino con cellule dendritiche che viene somministrato in Germania, a Colonia, al Medical Center (leggi qui). “Le cellule dendritiche sono

Share