Sos depressione

 

Sos depressione. Dopo il cancro è la patologia più temuta. La malattia interesserebbe, secondo le ultime stime, 4,5 milioni di persone solo in Italia. In media trascorrono circa 23 mesi fra la comparsa dei primi sintomi specifici della malattia e la decisione del paziente di rivolgersi ad un medico; quasi 26 mesi è invece la media di tempo per ricevere una diagnosi corretta. Per saperne di più, anche in chiave preventiva, si può leggere Il Libro Bianco sulla depressione, a cura di ONDA (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) e l’indagine “Gli italiani e la depressione”, effettuata su poco più di mille soggetti. Si parla sempre più spesso di un Piano nazionale di lotta contro la depressione.

Secondo l’OMS (Organizzazione mondiale Sanità) la depressione rappresenterà entro il 2030 la malattia cronica più diffusa. Sono quasi 4.500.000 le persone depresse in Italia e le donne, rispetto agli uomini, ne sono coinvolte in una proporzione di 2 a 1. Dall’indagine ONDA emerge che i tumori sono la patologia di cui gli italiani hanno più paura; al secondo posto c’è la depressione.

La depressione può colpire chiunque. Le cause della depressione possono essere molteplici e diverse da persona a persona (ereditarietà, ambiente sociale, lutti familiari, problemi di lavoro,…). Le ricerche mostrano tuttavia la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione:

  1. il fattore biologico: alcune persone nascono con una maggiore predisposizione genetica verso la depressione;
  2. il fattore psicologico: le esperienze e i comportamenti appresi nel corso della 2. propria storia di vita (es: la ruminazione mentale) possono rendere vulnerabili alla depressione.

La depressione maggiore, la cui incidenza è in continua crescita, ha un costo totale pari a 800 miliardi di dollari e circa il 56 per cento dei pazienti affetti non ricevono un trattamento adeguato. I principali sintomi: pensieri negativi; solitudine/isolamento, tristezza, perdita di piacere e interesse nel fare le cose e perdita di fiducia in se stessi. Per un intervistato su tre anche i disturbi di natura cognitiva, come la difficoltà nel prendere decisioni e nel mantenere la concentrazione, hanno un forte impatto sulla qualità di vita.

Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/tag/depressione/

 

Share

Lascia un commento