Frutta secca toccasana

 

Frutta secca toccasana.

Arricchire il proprio menu, soprattutto a colazione o nei momenti di spezza-fame, con la  frutta secca è una sana abitudine: noci, mandorle, nocciole, arachidi, anacardi, tutti i frutti soggetti a naturale essiccazione – purché non salati ovviamente e non tostati! – apportano notevoli benefici in termini di energia e vitamine. Occhio alle quantità però: parliamo attorno i 20-30 grammi al giorno… in quanto la frutta secca è più ricca di zuccheri e di grassi, anche se sono grassi buoni che svolgono un’azione mirata a contenere il colesterolo. Chi consuma regolarmente noci e mandorle ha una probabilità inferiore di sviluppare il diabete. Inoltre il consumo di frutta secca protegge anche da tumori e infarti, abbinato ad uno stile di vita corretto. Si può abbattere la mortalità del 20 per cento.

Quando assumiamo frutta secca, nutriamo il nostro corpo di molte vitamine: dalla vitamina A e dalla vitamina E alle vitamine C e K. Molti i sali minerali che troviamo nella frutta secca, soprattutto potassio, magnesio e fosforo. Elevata è anche la quantità di fibra che va ad agire a favore dell’intestino. La frutta secca contiene anche le infiammazioni a carico del fegato. Chi pratica sport non dovrebbe mai far mancare nella sua alimentazione la frutta secca proprio per i sali minerali assimilabili.

Share
Categoria: Alimentazione, Informazioni, Notizie, Senza categoria.

Devi essere un utente registrato per aggiungere commenti | Login | Registrati

WordPress Theme by Simple Themes