La Protonterapia è una delle terapie che utilizzano radiazioni ionizzanti più tecnologicamente avanzate nella lotta contro il cancro oggi disponibili. Ha dimostrato ormai di essere molto efficace clinicamente per patologie di elezioni e il suo campo di azione si sta diffondendo rapidamente con l’aumento del numero di centri oggi disponibili al mondo. L’evoluzione numerica si è avuta anche grazie allo sviluppo tecnologico delle apparecchiature che producono ed erogano protoni sempre più sofisticate e precise e sempre più disponibili ad un uso clinico non sperimentale che ne ha permesso la diffusione a livello di centri clinici ospedalieri. La Protonterapia è fra le metodiche radioterapie quella più precisa per motivi sia fisici sia biologici: la protontercapia rilascia energia nei tessuti in maniera intelligente, solo dove è richiesta, con rapido decremento della dose oltre il target tumorale, così da risparmiare le strutture sane circostanti. Il motivo biologico è dettato da una maggior Efficacia Biologica Relativa in quanto i fasci di protoni riescono ad indurre danni letali al DNA cellulare tumorale in misura maggiore di circa il 10 per cento rispetto alle radiazioni ionizzanti ‘convenzionali’ (raggi X). La Protonterapia viene impiegata in molte patologie tumorali: dai tumori della regione orbitaria ai tumori cerebrali primitivi; dai tumori delle cavità nasali al tumore della prostata; dai tumori gastrointestinali ai tumori polmonari, passando per i sarcomi dei tessuti molli e le neoplasie dell’infanzia. Grazie all’utilizzo dei protoni si possono ridurre i rischi di tumori secondari radio-indotti: si sa che i tumori radio-indotti destano grande preoccupazione soprattutto nelle popolazioni più giovani dove si ha un maggior periodo di latenza (di circa 10-20 anni) e una maggiore suscettibilità dei tessuti in via di accrescimento alle radiazioni rispetto alle popolazioni adulte. Sono stati pubblicati diversi modelli matematici che valutano la riduzione del rischio di secondo tumore con l’uso dei protoni rispetto alle tecniche standard di fotoni.

Share

Lascia un commento