Alcuni studi recenti hanno dimostrato una relazione inversa fra attività fisica e il rischio di sviluppare alcune delle principali patologie dell’apparato gastroenterico come cancro del colon, diverticoloti, colelitiasi e costipazione. Nuove evidenze stanno emergendo anche sui benefici dell’attività fisica su altre malattie come la steatosi epatica non alcolica, la sindrome dell’intestino irritabile e le patologie

Lo scriveva il ricercatore Tappel già nel 2007: “Il ferro eme assunto attraverso la carne rossa può catalizzare il danno ossidativo e può agire come iniziatore del tumore di colon, mammella, prostata, delle malattie cardiovascolari e di altre patologie”, questo il titolo dell’articolo pubblicato su Medical Hypotheses. Gli studi epidemiologici sul rapporto fra dieta e

La carenza di ossigeno, come spiega il ricercatore Pier Mario Biava, favorisce la mutazione genetica delle cellule ed anche la crescita incontrollata delle cellule tumorali. In un recente studio pubblicato sul Journal of Molecular Cell Biology maggiore è la presenza di un biomarker, il gene HIF1A – che è appunto l’indicatore biologico del livelli di ossigeno nelle cellule

  Ecco le principali fonti vegetali di vitamine. L’elenco degli alimenti che contengono queste fonti indispensabili. Vitamina A (insieme di retinoidi e carotenoidi): carote, zucche, mango, spinaci, peperoni rossi e gialli, papaia, pomodori. Vitamina B1 (Tiamina): tutti i cereali specie se integrali, pseudocereali, lievito alimentare in scaglie, legumi, germe di grano, soia, semi di sesamo