I cereali alcalinizzanti

 

I cereali integrali alcalinizzanti sono un vero toccasana per la salute. Parliamo di miglio, amaranto, quinoa e teff, tutti cereali senza glutine e a basso indice glicemico. Ricchi di proteine, soprattutto amaranto e quinoa, e in grado di regolarizzare la glicemia nel sangue. Questi cereali integrali agevolano anche il dimagrimento e rivestono anche un’azione anti-fame. Fra i vari benefici sicuramente quello di contrastare gli stati di acidosi che sono alla base di quasi tutte le malattie più diffuse. La Quinoa, originaria del Sudamerica, priva di glutine, è ricca di carboidrati a basso indice glicemico, aminoacidi essenziali come lisina e metionina, necessari per ossa e fegato (prima di cuocerla va lavata bene sotto l’acqua corrente). Ricchissimo in fibre a basso indice glicemico anche l’amaranto, cereale originario del Centroamerica: contiene una buona quantità di fosforo, ferro, magnesio e vitamine del complesso B. Il miglio, senza glutine, apporta carotenoidi, carboidrati, aminoacidi essenziali come cistica e metionina, utili per i muscoli. Il miglio è anche ricco di silicio (che rende più forti i capelli, le unghie e le ossa). Prima di cucinarlo, il miglio si lava, si asciuga per 15 minuti, poi si tosta e si cucina in 2 volte il suo volume d’acqua (1 tazza di miglio per 2 tazze d’acqua) per 20 minuti. Il teff, altro cereale antico, tipico della cucina etiope, anch’esso senza glutine, è ricco in magnesio e zinco. Tutti questi cereali alcalinizzanti, proprio grazie al contenuto indice glicemico, non creano alcun accumulo addominale! Anzi  favoriscono il dimagrimento.

Categoria: Alimentazione, Informazioni, Notizie.

Devi essere un utente registrato per aggiungere commenti | Login | Registrati

WordPress Theme by Simple Themes